Farina di Carrube | Proprietà, Dieta e Modo d'Uso

Introduzione

La farina di Carrube in polvere è un idrocolloide ricavato dalla decorticazione e macinazione dei semi del carrubo (Ceratonia siliqua), una pianta della famiglia delle Leguminoseae, tipica dei Paesi del bacino del Mediterraneo. E' classificata nella lista europea degli additivi con la sigla E410.

L'idrocolloide, denominato carrubano, è un galattomannano; la sua struttura è formata da una catena di mannosio con ramificazioni di galattosio nel rapporto 1:4.

Proprietà e Benefici

Esistono evidenze scientifiche secondo le quali l'assunzione di farina di carrube può risultare utile per:

Caratteristiche biologiche

La farina di carrube è una polvere sottile di colore biancastro, ottenuta dalla decorticazione e dalla macinazione dei semi di carrube, frutto dell’omonimo albero coltivato soprattutto nel bacino mediterraneo e caratterizzato da un sapore dolciastro che ricorda quello del cioccolato, da cui tuttavia differisce per le proprietà nutrizionali.

Costituita prevalentemente da carboidrati e fibre, e decisamente povera in grassi, la farina di semi di carrube viene comunemente utilizzata dall’industria alimentare per le sue ottime proprietà addensanti, stabilizzanti ed emulsionati utili a preservare la consistenza di preparati cremosi come ad esempio dolci e gelati.

L’elevatissima viscosità tale da incrementare il proprio peso di oltre il 40% in seguito ad idratazione è garantita dalla presenza di carrubano, galattomanao costituito da lunghe catene di galattosio e mannosio, le cui caratteristiche chimico-fisiche contribuiscono ad aumentare l’indice di sazietà dell’alimento consumato.
La sua presenza si riconosce in etichetta dalla sigla E410.

Gli studi pubblicati

Nonostante l’ampio utilizzo che si fa di questo alimento nella comune industria alimentare, la sua presenza è sconosciuta al grande pubblico come le sue potenziali attività dietoterapiche.
Infatti oltre alle caratteristiche chimico/fisiche, utili  in ambito preparativo, la farina di semi di carrube è stata testata per le sue potenzialità terapeutiche e preventive come si può facilmente dedurre dai differenti lavori pubblicati in letteratura.
Più precisamente da questi studi emergono alcune proprietà importanti quali :

Sarebbe quindi utile rivalutare questo frutto e i suoi derivati anche per le proprietà dietoterapiche e preventive, che nel contesto di regimi dietetici bilanciati e di uno stile di vita sano, potrebbero risultare utile nel migliorare alcuni parametri metabolici, riducendo così il rischio di insorgenza di patologie cardiovascolari.

Modalità d'uso

I vari studi pubblicati in letteratura non presentano dosaggi standard e definiti, dal momento in cui il consumo di questo frutto o suoi derivati è strettamente legato alle abitudini alimentari della popolazione generale.
Dal punto di vista culinario, la farina di carrube si solubilizza ottimamente a temperature elevate, di norma pari a 80°C, utilizzandola a concentrazioni d’impiego pari al 0.5 - 1%.

Farina di Carrube - Effetti collaterali

Nonostante non siano noti effetti collaterali clinicamente significativi legati al consumo di farina di carrube, è utile ricordare che l’abuso di questo prodotto potrebbe aumentare il rischio di insorgenza di patologie metaboliche come il sovrappeso, dato l’importante apporto calorico che fornisce.
E’ importante citare uno studio pubblicato su una delle più importanti riviste del settore medico, nel quale il consumo di carrube e farina di carrube è stato associato ad un aumento della glicemia post-prandiale, potenzialmente pericolosa in caso di diabete.
L’elevato contenuto di fibre, e le caratteristiche chimico fisiche di questo prodotto, potrebbero inoltre ridurre l’assorbimento di farmaci e principi attivi assunti contestualmente, riducendo così l’efficacia terapeutica del medicinale.

Studi - Bibliografia

J Agric Food Chem. 2011 Jul 13;59(13):7005-12. Epub 2011 Jun 3.
Antioxidant and cytotoxic activities of carob tree fruit pulps are strongly influenced by gender and cultivar.
Custodio L, Fernandes E, Escapa AL, Fajardo A, Aligue R, Albericio F, Neng NR, Nogueira JM, Romano A.

Phytochemical profile, antioxidant and cytotoxic activities of the carob tree (Ceratonia siliqua L.) germ flour extracts.
Custódio L, Escapa AL, Fernandes E, Fajardo A, Aligué R, Alberício F, Neng N, Nogueira JM, Romano A.
Plant Foods Hum Nutr. 2011 Mar;66(1):78-84.

Plant Foods Hum Nutr. 2010 Mar;65(1):50-6.
Insoluble carob fiber rich in polyphenols lowers total and LDL cholesterol in hypercholesterolemic sujects.
Ruiz-Roso B, Quintela JC, de la Fuente E, Haya J, Pérez-Olleros L.

Nutrient content of carob pod (Ceratonia siliqua L.) flour prepared commercially and domestically.
Ayaz FA, Torun H, Glew RH, Bak ZD, Chuang LT, Presley JM, Andrews R.
Plant Foods Hum Nutr. 2009 Dec;64(4):286-92.

Does an extract of carob (Ceratonia siliqua L.) have chemopreventive potential related to oxidative stress and drug metabolism in human colon cells?
Klenow S, Jahns F, Pool-Zobel BL, Glei M.
J Agric Food Chem. 2009 Apr 8;57(7):2999-3004.

Br J Nutr. 2007 Jul;98(1):101-5. Epub 2007 Mar 21.
Carob pulp preparation rich in insoluble dietary fibre and polyphenols increases plasma glucose and serum insulin responses in combination with a glucose load in humans.
Gruendel S, Otto B, Garcia AL, Wagner K, Mueller C, Weickert MO, Heldwein W, Koebnick C.

Effect of formula thickened with locust bean gum on gastric emptying in infants.
Miyazawa R, Tomomasa T, Kaneko H, Morikawa A.
J Paediatr Child Health. 2006 Dec;42(12):808-12.

Carob pulp preparation for treatment of hypercholesterolemia.
Zunft HJ, Lüder W, Harde A, Haber B, Graubaum HJ, Gruenwald J.
Adv Ther. 2001 Sep-Oct;18(5):230-6.