Glutammina | Benefici per lo Sport | Muscoli, Recupero, Performance

Proprietà e Benefici

Esistono numerose evidenze scientifiche secondo le quali l'integrazione con glutammina può risultare utile per:

Ruolo biologico

La glutammina è un aminoacido polare non essenziale, in quanto viene sintetizzato endogenamente in quantità sufficienti a soddisfare il fabbisogno giornaliero, vista la particolare importanza per il corretto mantenimento dello stato di salute.

Infatti circa il 60% del totale pull aminoacidico plasmatico è rappresentato proprio da questo aminoacido la cui diminuzione, descritta in particolari condizioni patologiche come traumi, ustioni e malattie infiammatorie croniche, è associata all'insorgenza di uno stato di malessere generale e fortemente invalidante.

La sua importanza in termini biologici è da ricondurre alle molteplici attività che ne fanno un tassello fondamentale per il corretto funzionamento dei vari tessuti.
Più precisamente la glutammina garantisce :

L'eventuale gap quantitativo di glutammina può essere agevolmente colmato dall'assunzione di integratori o di alimenti a base proteica, con particolare importanza per latte e derivati, carni e legumi.

Uso nella pratica sportiva

L'utilizzo della glutammina in ambito sportivo nasce da importanti evidenze sperimentali che dimostrano come un intensa attività fisica soprattutto se prolungata nel tempo possa determinare un sensibile calo delle concentrazioni ematiche di questo aminoacido, che si ripercuote inevitabilmente sia sulla prestazione che sullo stato di salute dell'atleta.

Le variazioni dell'assetto ormonale, il maggior dispendio energetico e un intenso metabolismo proteico indotto dall'attività fisica provoca un elevato dispendio di glutammina e di conseguenza la necessità di ricorrere a protocolli di integrazione.

Numerosissimi studi infatti, mostrano come l'adeguata integrazione di questo aminoacido possa determinare :

Diversi lavori sostengono il ruolo sinergico della glutammina, dei carboidrati a medio rilascio e degli aminoacidi a catena ramificata nel promuovere il miglioramento della performance e sostenere la salute dell'atleta.

Dosaggi

Le dosi utilizzate nei vari studi differiscono comprensibilmente da caso a caso visto che la necessità di questo aminoacido può variare sensibilmente in base alla costituzione fisica e fisiologica dell'atleta e dello sport effettuato.

Nonostante in letteratura vi siano studi che utilizzano dosaggi molto elevati, fino ai 20 gr al giorno, i migliori risultati si ottengono con dosi comprese tra i 2 e gli 8 grammi giornalieri somministrate con il corretto timing.
In base alle necessità dell'atleta la glutammina potrebbe essere assunta nel pre o nel post work-out, abbinata o meno a carboidrati e BCAA.

Effetti Collaterali

Nonostante la massima dose tollerata risulti pari a 0.65 gr/ kg di massa corporea, gli effetti collaterali descritti in seguito all'assunzione di dosi troppo elevate, sembrano di modesta rilevanza clinica.

Come per la maggior parte di integratori anche la glutammina controindicata nei casi di patologia renale o epatica, cardiovasculopatie e/o ipertensione, in gravidanza, durante l'allattamento e al di sotto dei 12 anni e adolescenti non ancora formati.

In caso di uso prolungato (oltre le 6/8 settimane) è necessario il parere del medico.

Studi - Bibliografia

Clinics (Sao Paulo). 2008 Feb;63(1):27-32.
Peptide glutamine supplementation for tolerance of intermittent exercise in soccer players.
Favano A, Santos-Silva PR, Nakano EY, Pedrinelli A, Hernandez AJ, Greve JM.

Nutr Res Rev. 1999 Dec;12(2):255-80.
Nutritional ergogenic aids and exercise performance.
Maughan RJ.

Curr Sports Med Rep. 2007 Jul;6(4):265-8.
Glutamine: the nonessential amino acid for performance enhancement.
Phillips GC.

Appl Physiol Nutr Metab. 2007 Dec;32(6):1186-90.
Glutamine and carbohydrate supplements reduce ammonemia increase during endurance field exercise.
Carvalho-Peixoto J, Alves RC, Cameron LC.

J Appl Physiol. 2006 Dec;101(6):1576-80. Epub 2005 Nov 10.
Adipose tissue extracts plasma ammonia after sprint exercise in women and men.
Esbjörnsson M, Bülow J, Norman B, Simonsen L, Nowak J, Rooyackers O, Kaijser L, Jansson E.

J Sports Sci. 2006 Jul;24(7):763-72.
Nutritional strategies to counter stress to the immune system in athletes, with special reference to football.
Nieman DC, Bishop NC.

Sports Med. 2007;37(4-5):416-9.
Strategies to enhance immune function for marathon runners: what can be done?
Akerström TC, Pedersen BK.