Integratori per le Vene | Come Migliorare la Circolazione

Informazioni generali

I disturbi del circolo periferico, ed in particolare quelli del distretto venoso degli arti inferiori, rappresentano un problema particolarmente diffuso nella popolazione occidentale, soprattutto nel genere femminile.
Se nella maggior parte dei casi rimangono per lo più spiacevoli inestetismi, talvolta possono invece degenerare in vere e proprie manifestazioni cliniche.
Anche in questo ambito la fitoterapia ed il vasto mondo dell'integrazione nutrizionale ha riscosso importanti successi, potendo contare su validi alleati.

La Diosmina

La Diosmina è un flavonoide glicosidico introdotto in ambito fitoterapico solamente nei primi anni 70 come agente vasoprotettivo, antiossidante ed antinfiammatorio.
Nonostante le differenti proprietà biologiche sin dall'inizio la Diosmina si è guadagnata un posto di tutto rispetto come agente flebotonico e vasoprotettivo.
Gli studi molecolari hanno infatti attribuito a questo flavonoide un azione inibitrice nei confronti della prostaglandina E2 e del Trombossano A2,  con conseguente :

Grazie ai suddetti meccanismi la Diosmina è stata utilizzata con successo nel trattamento dell'insufficienza venosa nella quale, abbinata all'Esperidina, avrebbe sensibilmente migliorato la qualità di vita dei pazienti affetti oltre che la relativa sintomatologia, garantendo anche un'apprezzabile azione preventiva nei confronti delle ulcere.
Dati particolarmente interessanti si sono osservati anche nel trattamento del linfedema e di altri disturbi vascolari come le emorroidi.
A fronte della sua spiccata attività biologica, la Diosmina si è rivelata sicura e ben tollerata.
Tuttavia, data la capacità della stessa di inibire l'aggregazione piastrinica e rendere più fluido il sangue, sarebbe opportuno che pazienti in terapia con anticoagulanti consultassero il medico prima di intraprendere l'uso di questo principio attivo.

L'Esperidina

L'Esperidina è uno dei principali flavonoidi identificabile in numerosi frutti ed in particolare negli agrumi, al quale si devono alcuni dei numerosi benefici di tali alimenti.
A questo principio attivo vengono attribuite numerosissime proprietà biologiche, alcune delle quali sostenute anche da interessanti trial clinici.
Tralasciando alcune di queste attività, come quelle ipocolesterolemizzanti e cardioprotettive, l'Esperidina si è rivelata efficace nell'inibire l'espressione di enzimi coinvolti nella genesi del processo infiammatorio.
Tale attività, in maniera analoga a quanto precedentemente detto per la Diosmina, risulterebbe preziosa nel supportare la corretta funzionalità vascolare nonché nel migliorare le caratteristiche istologiche dei vasi venosi e linfatici.
L'efficacia dell'associazione tra Diosmina ed Esperidina infatti è stata ampiamente documentata da numerosissimi studi scientifici.

L'acido alfa lipoico

L'acido alfa lipoico è una molecola strutturalmente complessa caratterizzata da una buona permeabilità cellulare e pertanto biologicamente attiva.
Ampiamente presente in natura, sia nei prodotti di origine animale che in quelli di origine vegetale, l'acido alfa lipoico si è guadagnato un posto di tutto rispetto in ambito integrativo per le spiccate doti antiossidanti.
Ed è proprio la stessa attività antiossidante a determinarne l'efficacia in ambito vascolare.
Infatti il danno endoteliale sostenuto dai radicali liberi dell'ossigeno nonchè l'alterazione delle strutture proteiche della matrice e dei vasi, rappresentano alcuni dei principali fenomeni coinvolti nel deterioramento vascolare.
L'azione protettiva dell'acido alfa lipoico, osservata anche nei confronti dei piccoli vasi cerebrali, completerebbe in questo caso l'azione biologica sostenuta dall'Esperidina e dalla Diosmina, proteggendo l'intero sistema vascolare dall'azione lesiva dei radicali liberi dell'ossigeno.
Recenti studi hanno inoltre aperto un altro interessante spiraglio, tuttavia ancora da caratterizzare, legato all'attività antinfiammatoria dell'acido alfa lipoico, che evidentemente contribuirebbe all'azione vasoprotettiva dello stesso.
In linea con i precedenti principi attivi anche l'acido alfa lipoico si è rivelato generalmente sicuro e ben tollerato.

Potassio e Vitamina E

A completamento del profilo nutrizionale e biologico dell'integratore VeneLeg ritroviamo il Potassio e la Vitamina E.
Come l'acido alfa lipoico, la Vitamina E contribuirebbe a sostenere il pull di antiossidanti endogeni, proteggendo pertanto le strutture vascolari dall'azione lesiva dei radicali liberi dell'ossigeno, oltre che a garantire per via indiretta un attività emofluidificante ed antinfiammatoria.
Particolarmente interessanti sono anche i risultati di numerosi studi che attribuirebbero alla Vitamina E un azione preventiva nei confronti delle calcificazioni vascolari e dei disordini ad esse associati.
Il potassio citrato invece contribuirebbe da un lato a rispristinare il corretto effetto osmotico, riducendo pertanto il contenuto di liquidi nel terzo spazio e da l'altro a contrastare alcune delle manifestazioni più comuni legate ai disordini vascolari come i crampi e le parestesie.

Bibliografia

Monograph. Diosmin.
[No authors listed]
Altern Med Rev. 2004 Sep;9(3):308-11

Spontaneous intraventricular hemorrhage associated with prolonged diosmintherapy.
Kumar RM, Van Gompel JJ, Bower R, Rabinstein AA.
Neurocrit Care. 2011 Jun;14(3):438-40

[Bioflavonoids and their significance in angiology: focus on diosmin].
Bogachev VIu, Golovanova OV, Kuznetsov AN, Shekoian AO.
Angiol Sosud Khir. 2013;19(1):73-81

Effects of calcium dobesilate and diosmin-hesperidin on apoptosis of venous wall in primary varicose veins.
Iriz E, Vural C, Ereren E, Poyraz A, Erer D, Oktar L, Gokgoz L, Halit V, Soncul H.
Vasa. 2008 Aug;37(3):233-40

Micronized diosmin (Detralex) for vein-related trophic ulcers: European experience.
Savel'ev VS, Pokrovskiĭ AV, Sapelkin SV, Bogachev VIu, Bogdanets LI, Zolotukhin IA.
Angiol Sosud Khir. 2006;12(3):53-6

Efficacy of Daflon 500 mg in venous leg ulcer healing: a double-blind, randomized, controlled versus placebo trial in 107 patients.
Guilhou JJ, Dereure O, Marzin L, Ouvry P, Zuccarelli F, Debure C, Van Landuyt H, Gillet-Terver MN, Guillot B, Levesque H, Mignot J, Pillion G, Février B, Dubeaux D.
Angiology. 1997 Jan;48(1):77-85

Chemoprevention of 4-nitroquinoline 1-oxide-induced oral carcinogenesis in rats by flavonoids diosmin and hesperidin, each alone and in combination.
Tanaka T, Makita H, Ohnishi M, Mori H, Satoh K, Hara A, Sumida T, Fukutani K, Tanaka T, Ogawa H.
Cancer Res. 1997 Jan 15;57(2):246-52

Anti-inflammatory activity of diosmin and hesperidin in rat colitis induced by TNBS.
Crespo ME, Gálvez J, Cruz T, Ocete MA, Zarzuelo A.
Planta Med. 1999 Oct;65(7):651-3

HR, 0-(beta-hydroxyethyl)-rutosides, in comparison with diosmin+hesperidin in chronic venous insufficiency and venous microangiopathy: an independent, prospective, comparative registry study.
Cesarone MR, Belcaro G, Pellegrini L, Ledda A, Di Renzo A, Vinciguerra G, Ricci A, Gizzi G, Ippolito E, Fano F, Dugall M, Acerbi G, Cacchio M.
Angiology. 2005 Jan-Feb;56(1):1-8.

Effects of alpha-lipoic acid on spatial learning and memory, oxidative stress, and central cholinergic system in a rat model of vascular dementia.
Zhao RR, Xu F, Xu XC, Tan GJ, Liu LM, Wu N, Zhang WZ, Liu JX.
Neurosci Lett. 2015 Feb 5;587:113-9

Lipoic acid, but not tempol, preserves vascular compliance and decreases medial calcification in a model of elastocalcinosis.
Bassi E, Liberman M, Martinatti MK, Bortolotto LA, Laurindo FR.
Braz J Med Biol Res. 2014 Feb;47(2):119-2

Vascular dysfunction and chronic obstructive pulmonary disease: the role of redox balance.
Ives SJ, Harris RA, Witman MA, Fjeldstad AS, Garten RS, McDaniel J, Wray DW, Richardson RS.
Hypertension. 2014 Mar;63(3):459-67

Lipoic acid and vitamin C potentiate nitric oxide synthesis in human aortic endothelial cells independently of cellular glutathione status.
Visioli F, Smith A, Zhang W, Keaney JF Jr, Hagen T, Frei B.
Redox Rep. 2002;7(4):223-7

Alpha-lipoic acid does not acutely affect resistance and conduit artery function or oxidative stress in healthy men.
Sharman JE, Gunaruwan P, Knez WL, Schmitt M, Marsh SA, Wilson GR, Cockcroft JR, Coombes JS.
Br J Clin Pharmacol. 2004 Sep;58(3):243-8

Vitamin E conditionally inhibits atherosclerosis in ApoE knockout mice by anti-oxidation and regulation of vasculature gene expressions.
Tang F, Lu M, Zhang S, Mei M, Wang T, Liu P, Wang H.
Lipids. 2014 Dec;49(12):1215-23.

Vitamin E protection of obesity-enhanced vascular calcification in uremic rats.
Peralta-Ramírez A, Montes de Oca A, Raya AI, Pineda C, López I, Guerrero F, Diez E, Muñoz-Castañeda JR, Martinez J, Almaden Y, Rodríguez M, Aguilera-Tejero E.
Am J Physiol Renal Physiol. 2014 Feb 15;306(4):F422-9