Xantano | Proprietà e Benefici | Diabete, Colesterolo, Stipsi

Proprietà e Benefici

Esistono evidenze scientifiche secondo le quali l'integrazione con gomma xantana può risultare utile per:

Esistono evidenze scientifiche secondo le quali l'integrazione con gomma xantana può risultare utile per:

Caratteristiche biologiche

Il termine Xantano prende il nome da un battere normalmente presente nel cavolo noto come Xanthomonas campestris, utilizzato nei processi di fermentazione dell'amido di mais per ottenere una polvere bianco-giallastra estratta con etanolo ed essiccata al sole nota come Gomma Xantana.
Dal punto di vista chimico questo alimento è costituito prevalentemente da esosi quali il D-Glucosio e il D-Mannosio oltre che da acido D-Glucoronico e piruvico.

L'elevata potere igroscopico e l'ampia solubilità in ambiente acquoso ne ha facilitato la diffusione in ambito industriale, venendo comunemente utilizzata come addensante e stabilizzante in vari alimenti quali salse, sughi, gelatine e prodotti dolciari, aumentandone significativamente sia il volume complessivo che la consistenza.

Le suddette proprietà si sono rivelate utili anche al mondo farmaceutico che da tempo utilizza gomme come questa nella formulazione di prodotti a rilascio controllato, in grado di mediareil rilascio del principio attivo esclusivamente nel lumen intestinale, ottimizzando così sia l'assorbimento che la biodisponibilità del farmaco.

Notizie dal mondo scientifico

Le particolari proprietà biologiche di questa fibra alimentare sono state sperimentate da vari gruppi di ricerca per i potenziali effetti terapeutici sulla salute umana.
Infatti la capacità dello xantano di richiamare acqua e formare una sostanza vischiosa e gelatinosa in grado di contribuire alla definizione dello stimolo saziante, modulando al contempo l'assorbimento di differenti nutrienti, si è rivelata utile nel trattamento del :

Nonostante i potenziali effetti dietoterapici descritti, la gomma di xantano viene attualmente utilizzata soprattutto per le applicazioni industriali piuttosto che per le proprietà terapeutiche, limitando così la diffusione di lavori scientifici utili a caratterizzare a pieno l'attività biologica di questa fibra alimentare.
Un probabile spiraglio in grado di incentivare l'utilizzo della gomma di xantano in ambito clinico-sperimentale, deriva da recentissimi studi che hanno dimostrato come questa gomma possa attivare, in modelli sperimentali di tumore vescicale, le cellule NK responsabili della risposta antitumorale, aumentando la sorveglianza immunitaria e riducendo il rischio di insorgenza e sviluppo di lesioni neoplastiche.

Restano invece vani i tentavi di utilizzo dello xantano nel trattamento dell'obesità, evidenziando come questa patologia risulti estremamente complessa e affrontabile esclusivamente con un approccio multidisciplinare che preveda oltre alle necessarie prescrizioni dietoterapiche anche un supporto emotivo-cognitivo-relazionale.

Gomma Xantana: modalità di utilizzo

La gomma xantana, indicata in etichetta con la sigla E415, presenta dei limiti massimi di assunzione consigliati dalle varie organizzazioni internazionali tra i quali l'OMS, pari a 10 mg/kg di massa corporea, oltre i quali è più facile registrare l'incidenza di reazioni avverse intestinali.

Nonostante ciò i differenti lavori descritti in letteratura utilizzano solitamente dosaggi superiori, registrano gli effetti terapeutici desiderati senza effetti collaterali particolarmente gravi.

Sarebbe tuttavia particolarmente indicato suddividere la dose complessiva giornaliera in più assunzioni, avendo cura di diluire il prodotto in acqua naturale, fino alla completa dispersione.

Effetti Collaterali

L'elevato potere igroscopico della gomma xantana è il principale responsabile degli effetti collaterali di questo integratore.

Infatti l'assunzione in grandi quantità di questa fibra potrebbe determinare un incremento del contenuto intestinale di acqua, facilitando l'insorgenza di dolori addominali crampiformi, flatulenza, nausea e diarrea.

E' utile inoltre ricordare che il consumo protratto per tempi prolungati potrebbe determinare una riduzione dell'assorbimento di micronutrienti o principi attivi somministrati contemporaneamente.

Studi - Bibliografia

Am J Clin Nutr. 1985 Oct;42(4):597-603.
Use of xanthan gum in dietary management of diabetes mellitus.
Osilesi O, Trout DL, Glover EE, Harper SM, Koh ET, Behall KM, O'Dorisio TM, Tartt J.

Biosci Biotechnol Biochem. 2000 Oct;64(10):2165-71.
Improved hypolipidemic effects of xanthan gum-galactomannan mixtures in rats.
Yamamoto Y, Sogawa I, Nishina A, Saeki S, Ichikawa N, Iibata S.

Food Addit Contam. 1987 Jan-Mar;4(1):17-26.
The dietary effects of xanthan gum in man.
Eastwood MA, Brydon WG, Anderson DM.

Br J Nutr. 1993 May;69(3):897-902.
The effect of feeding xanthan gum on colonic function in man: correlation with in vitro determinants of bacterial breakdown.
Daly J, Tomlin J, Read NW.

Int Immunopharmacol. 2009 Dec;9(13-14):1562-7. Epub 2009 Sep 27.
Oral administration of xanthan gum enhances antitumor activity through Toll-like receptor 4.
Takeuchi A, Kamiryou Y, Yamada H, Eto M, Shibata K, Haruna K, Naito S, Yoshikai Y.