ZMA | Funziona? Fa Male? Parola Agli Studi

Proprietà e Benefici

Esistono evidenze scientifiche secondo le quali l'integrazione con ZMA può risultare utile per:

Ruolo biologico

Lo ZMA è un prodotto contraddistinto dalla formulazione brevettata, costituita da oligoelementi come zinco e magnesio in forma altamente biodisponibile (zinco-monometionina, zinco-aspartato e magnesio aspartato) e arricchito con vitamina B6.

Nonostante i suddetti elementi siano presenti solo in piccole quantità nell'organismo umano, risultano di fondamentale importanza per la corretta esecuzione di varie reazioni metaboliche plastiche ed energetiche.

Lo Zinco, normalmente presente in prodotti di derivazione animale, rientra infatti nella regolazione di numerose pathways intracellulari utili a modulare la secrezione ormonale, l'espressione genica ed il funzionamento di numerosi enzimi; il magnesio è uno dei più importanti oligoelementi utili nella produzione di energia, rappresentando il cofattore di numerosi enzimi del metabolismo glucidico, nel mantenimento dell'attività strutturale, rientrando nella formazione delle membrane cellulari e del tessuto osseo, nella regolazione processi di accrescimento e nella gestione della funzionalità cellulare.

La vitamina B6 al contempo garantisce il corretto controllo del metabolismo glucidico, intervenendo nei processi gluconeogenici e glicogenolitici, dell'attività nervosa, rientrando nella sintesi della serotonina, e dell'attività ormonale, modulando la produzione e la secrezione di numerose molecole bioattive.

Una sana alimentazione, che preveda il consumo di prodotti di origine animale e vegetale, riesce fortunatamente a sopperire alle esigenza fisiologiche di questi fondamentali micronutrienti.

Uso nella pratica sportiva

Lo ZMA è un integratore molto noto agli sportivi di tutte le discipline per le sue potenziali proprietà anaboliche, come dimostrato nel famosissimo studio del prof.Brilla, nel quale l'integrazione per 8 settimane con ZMA in atleti sani oltre a garantire un aumento delle concentrazioni ematiche di zinco e magnesio determinava un significativo aumento delle concentrazioni di testosterone libero e totale e di altri ormoni anabolici come IGF1.

I promettenti risultati anabolici dello ZMA sono stati tuttavia sottoposti a giudizio da parte di altri gruppi di ricerca, i quali hanno espresso parere negativo, non riuscendo a riprodurre gli stessi effetti del prof. Brilla.

Nonostante ciò l'effetto integrativo dello ZMA sulla riduzione delle concentrazioni di magnesio e zinco indotte dall'attività fisica, si è dimostrato utile anche nel ridurre le concentrazioni di lattato (migliorando le capacità resistive dell'atleta), nel proteggere i tessuti dal danno ossidativo e nel ridurre sensibilmente le variazioni ormonali dovute all'intensa attività fisica.

Dosaggi

Uno dei limiti più importanti, relativi al corretto utilizzo di integratori a base di Zinco, Magnesio e Vitamina B6, attualmente presenti, è da ricondurre all'assenza di studi specifici che mostrino un dosaggio efficace in grado di garantire effetti benefici sulla salute dell'atleta e sulle sue capacità performanti.
Resta per questo valido il suggerimento fornito dalle singole case produttrici, che dovrebbe essere eventualmente corretto in base all'assunzione alimentare di questi oligoelementi.

Riferendosi ai singoli elementi invece, sembra che nella pratica sportiva il dosaggio più efficace sia quello di 10mg/kg/die per il magnesio e 3mg/kg/die per lo zinco. A queste dosi tuttavia sono documentati alcuni effetti collaterali, prevalentemente concentrati al livello gastro-intestinale con diarree.

Effetti Collaterali

Gli effetti collaterali di un'errata supplementazione con ZMA sono da ricercarsi soprattutto nello stato di salute gastro-intestinale.

L'ingestione di elevate quantità di zinco è infatti responsabile di nausea, diarrea e vomito, mentre quella di magnesio potrebbe determinare l'insorgenza di profuse diarree con un aumentato rischio di disidratazione.

Quantità particolarmente elevate di magnesio e vitamina B6, assunte per periodi di tempo prolungati potrebbero invece essere responsabili di danni al sistema nervoso, renale e cardiovascolare.

E' inoltre opportuno ricordare che zinco e magnesio potrebbero ridurre l'assorbimento intestinale di rame, antibiotici, tranquillanti e anticoagulanti orali, rendendo meno efficace la terapia.

Il prodotto è controindicato nei casi di patologia renale o epatica, cardiovasculopatie e/o ipertensione, in gravidanza, durante l'allattamento e al di sotto dei 14 anni.

Studi - Bibliografia

Serum testosterone and urinary excretion of steroid hormone metabolites after administration of a high-dose zinc supplement.
Koehler K, Parr MK, Geyer H, Mester J, Schänzer W.
Eur J Clin Nutr. 2009 Jan;63(1):65-70. Epub 2007 Sep 19.

Effect of fatiguing bicycle exercise on thyroid hormone and testosterone levels in sedentary males supplemented with oral zinc.
Kilic M.
Neuro Endocrinol Lett. 2007 Oct;28(5):681-5.

Zinc supplementation in rats subjected to acute swimming exercise: Its effect on testosterone levels and relation with lactate.
Kaya O, Gokdemir K, Kilic M, Baltaci AK.
Neuro Endocrinol Lett. 2006 Feb-Apr;27(1-2):267-70.

Update on the relationship between magnesium and exercise.
Nielsen FH, Lukaski HC.
Magnes Res. 2006 Sep;19(3):180-9. Review.