Dieta a zona

Quarta parte "dieta a zona": quali sono i grassi vantaggiosi?

I grassi devono far parte della dieta, in quanto svolgono parecchie funzioni essenziali, inoltre:

rallentano l'immissione in circolo dei carboidrati, frenando di conseguenza la risposta insulinica;

provocano la secrezione nello stomaco dell'ormone che segnala al cervello la sensazione di sazietà.

Esistono, però, grassi favorevoli e grassi sfavorevoli, ovviamente, occorre cercare di limitare il più possibile l'uso di quelli sfavorevoli, attingendo la maggior parte del proprio fabbisogno dai favorevoli.

Sono sfavorevoli:

l'acido arachidonico (è contenuto nel tuorlo d'uovo, nelle frattaglie, nella carne rossa grassa);

i grassi saturi (si trovano nella carne rossa grassa, nel latte intero e nei formaggi preparati con latte intero);

gli acidi grassi di tipo “trans” (derivano dalla lavorazione industriale, si trovano negli oli vegetali idrogenati e nella margherina).

Sono favorevoli:

i grassi monoinsaturi (olio di oliva, avocado);

gli EFA (acidi grassi essenziali, la cui presenza nella dieta è indispensabile, in quanto il corpo umano non è in grado di sintetizzarli).

Gli EFA sono in totale otto, divisi in due gruppi: gli Omega 6 e gli Omega 3.

Quali sono gli EFA più importanti:

l'acido linoleico, è un omega-6 presente in quasi tutti i cibi;

l'acido gamma linolenico, è un omega-6 di fondamentale importanza, ma rarissimo, la fonte più ricca è il latte materno, se ne possono riscontrare piccole tracce nella farina di avena, l'organismo umano se lo procura grazie ad una conversione dell'acido linoleico permessa dall'attività enzimatica;

l'acido eicosapentaenoico (EPA), è un omega-3 dal ruolo fondamentale, è contenuto in alcuni pesci (salmone, sgombri, sardine).

Un omega-3, che è bene non consumare in quantità elevate, è l'acido alfa linolenico, presente in grande concentrazione nei semi di lino, nell'olio di lino e nelle noci.

Fine quarta parte DIETA A ZONA


<< 1 2 3 4 5 6 >>