Mirtillo Nero

Mirtillo nero: problemi di circolazione e di dilatazione dei vasi cutanei, couperose, diarrea, cistite, abbassamento della visione notturna, emorroidi

Del mirtillo nero si utilizzano il frutto e le foglie.

Il frutto (bacca di circa 7-8 mm di diametro, di colore blu scuro o nero violaceo, depressa alla sommità) contiene:

Le foglie (che hanno una lamina ovale, appuntita, glabra e seghettata al margine) contengono:

tannini, glicosidi ipotensivi, glucochinine, acido ursolico, arbutina, idrochinone, neamirtillina e quercitina.

Grazie a tutte queste componenti, il mirtillo nero risulta efficace, oltre che per i problemi di circolazione e di dilatazione dei vasi cutanei, come coadiuvante nelle cure delle seguenti patologie:

Proprietà e Benefici

Il mirtillo grazie ai suoi nutrienti con azione antiossidante e vasoprotettiva, può essere impiegato per il suo effetto benefico sulla vista e per sostenere la funzione del microcircolo, particolarmente indicato per chi soffre di gambe stanche e pesanti, caviglie gonfie, capillari fragili e dilatati, varici, vene varicose, ritenzione idrica, insufficienza venosa e cellulite. Inoltre la Luteina, oltre a svolgere un'importante azione antiossidante, protegge la retina dalle radiazioni nocive della luce; essa si trova nella macula, la parte centrale della retina, responsabile dell'acuità visiva, ovvero la visione dei dettagli.

Integratore per Rafforzare i Capillari e per il Benessere di Vista e Microcircolo

Myrtillus è un integratore alimentare naturale dotato di un ottimo potere antiossidante e vasoprotettivo pertanto indicato per il mantenimento del benessere della vista e della funzionalità del microcircolo.

Caratteristiche chimico-fisiche

Dal punto di vista chimico-fisico questo integratore, costituito da comode compresse che ne rendono particolarmente agevole l'assunzione, comprende :

  1. Mirtillo nero: pianta presente soprattutto nei territori montuosi, dalle cui foglie e dalle cui bacche è possibile ottenere un estratto secco particolarmente ricco in antiossidanti ed in particolare in antocianine, tannini e flavonoidi.
    Differenti studi attribuiscono a questa pianta, e chiaramente ai suoi componenti, un azione vaso protettiva, concentrata prevalentemente al livello dei piccoli vasi, ed un azione antiossidante, in grado di coadiuvare i sistemi di detossificazione endogeni nella protezione dal danno indotto dalle specie reattive dell'ossigeno.
  2. Luteina : carotenoide estratto a partire generalmente dalle verdure a foglia verde, dotato di uno spiccato potere antiossidante e soprattutto di un importante potere fotoprotettivo, come dimostrato da recenti studi che sottolineano l'importanza di questo pigmento nella prevenzione della degenerazione retinica, ed in particolare maculare.
  3. Rosa Canina : arbusto dai cui frutti, dalle cui radici e dalle cui foglie è possibile estrarre una serie di elementi dotati di spiccato potere antiossidante e vaso protettivo.
  4. Vitamina C, flavonoidi, tannini, carotenoidi e polifenoli rappresentano i principali elementi fitoterapici che donando a questa pianta un ruolo terapeutico e preventivo importante in corso di affezioni a carico dei piccoli vasi.
  5. Vite rossa : pianta comune per i suoi frutti, dai cui semi e dalle cui bucce è possibile estrarre una serie di fitocomplessi costituiti da antocianine, resveratrolo, flavonoidi ed altri antiossidanti, dimostratisi efficaci nella protezione dell'endotelio dal danno vascolare e nella protezione cellulare dal danno indotto dalle specie reattive dell'ossigeno.

Note cliniche

Numerosissimi studi si sono susseguiti negli ultimi anni, nel tentativo di caratterizzare al meglio le proprietà biologiche di questi elementi e le relative proprietà terapeutiche.

Certe sono al momento le proprietà antiossidanti, sia dirette, come dimostrato da diversi lavori che hanno sottolineato la capacità di queste molecole di reagire direttamente con i radicali liberi dell'ossigeno (ROS), piuttosto che di espletare un'attività chelante nei confronti di metalli pesanti come ferro e rame, coinvolti in diverse reazioni generatrici di ROS, sia indirette, essenzialmente correlate alle capacità dei flavonoidi di intervenire nei meccanismi del singalling intracellulare, aumentando la sintesi

di enzimi coinvolti nella detossificazione da ROS e da tossici in generale.

Le suddette attività molecolari sono alla base delle proprietà vaso protettive delle suddette piante, proteggendo l'endotelio e le strutture collageniche dall'azione lesiva delle specie reattive dell'ossigeno, la cui attività è spesso responsabile di lesioni determinanti edema e stravaso di elementi della flogosi.
La medesima attività vasoprotettrice, concentrata al livello del microcircolo cerebrale e retinico, sosterrebbe le funzioni trofiche dei suddetti tessuti, le cui esigenze nutritive sono particolarmente elevate, salvaguardandoli dalla degenerazione istologica e funzionale.

Inoltre differenti pigmenti come la luteina o vitamine come la vitamina A, rientrerebbero nella formazione dei pigmenti fotosensibili presenti negli elementi recettoriali retinici, permettendo alle onde luminose di essere trasformate in energia elettro-chimica necessaria per una corretta e distinta visione.

Consigli per l'uso

Tenendo conto dei dosaggi e della titolazione degli elementi attivi presenti in questo integratore, l'assunzione di una compressa due volte al giorno, permetterebbe il raggiungimento di concentrazioni biologicamente attive di tali elementi.

Al fine di ottimizzare l'assorbimento intestinale dei suddetti principi attivi sarebbe opportuno assumere le compresse prevalentemente a stomaco pieno.

Avvertenze

Si consiglia di conservare il prodotto lontano dalla portata dei bambini.
L'uso prolungato nel tempo, soprattutto se non supervisionato da personale medico, potrebbe determinare lo sviluppo di reazioni di sensibilizzazione o di effetti collaterali gastro-enterici.

Studi e Bibliografia

Flavonoids for treating venous leg ulcers.
Scallon C, Bell-Syer SE, Aziz Z.
Cochrane Database Syst Rev. 2013 May 31;5:CD006477.

Dietary levels of pure flavonoids improve spatial memory performance and increase hippocampal brain-derived neurotrophic factor.
Rendeiro C, Vauzour D, Rattray M, Waffo-Téguo P, Mérillon JM, Butler LT, Williams CM, Spencer JP.
PLoS One. 2013 May 28;8(5):e63535. doi: 10.1371/journal.pone.0063535. Print 2013.

Flavonoids On Allergy.
Castell M, Pérez-Cano FJ, Abril-Gil MM, Franch A.
Curr Pharm Des. 2013 May 16. [Epub ahead of print]

Flavonoids in Atherosclerosis: An Overview of Their Mechanisms of Action.
Siasos G, Tsigkou V, Tousoulis D, Kokkou E, Oikonomou E, Vavuranakis M, Basdra EK, Papavassiliou AG, Stefanadis C.
Curr Med Chem. 2013 Apr 18. [Epub ahead of print]

Resveratrol Prevents Hypertension and Cardiac Hypertrophy in Hypertensive Rats and Mice.
Dolinsky VW, Chakrabarti S, Pereira TJ, Oka T, Levasseur J, Beker D, Zordoky BN, Morton JS, Nagendran J, Lopaschuk GD, Davidge ST, Dyck JR.
Biochim Biophys Acta. 2013 May 21. doi:pii: S0925-4439(13)00180-4. 10.1016/j.bbadis.2013.05.018. [Epub ahead of print]

Influence of Glucuronidation and Reduction Modifications of Resveratrol on its Biological Activities.
Lu DL, Ding DJ, Yan WJ, Li RR, Dai F, Wang Q, Yu SS, Li Y, Jin XL, Zhou B.
Chembiochem. 2013 May 23. doi: 10.1002/cbic.201300080. [Epub ahead of print]

Resveratrol improves learning and memory in normally aged mice through microRNA-CREB pathway.
Zhao YN, Li WF, Li F, Zhang Z, Dai YD, Xu AL, Qi C, Gao JM, Gao J.
Biochem Biophys Res Commun. 2013 May 16. doi:pii: S0006-291X(13)00807-3. 10.1016/j.bbrc.2013.05.025. [Epub ahead of print]

Resveratrol and Analogues: A Review of Antioxidant Activity and Applications to Human Health.
Santos JA, Carvalho GS, Oliveira V, Raposo NR, da Silva AD.
Recent Pat Food Nutr Agric. 2013 May 13. [Epub ahead of print]

Chronic resveratrol administration improves diabetic cardiomyopathy in part by reducing oxidative stress.
Mohammadshahi M, Haidari F, Ghadiri Soufi F.
Cardiol J. 2013 May 15. doi: 10.5603/CJ.a2013.0051. [Epub ahead of print]

In vitro effects of resveratrol on oxidative stress in diabetic platelets.
Raffaelli F, Vignini A, Giulietti A, Alidori A, Borroni F, Sforza G, Faloia E, Mazzanti L, Nanetti L.
Acta Diabetol. 2013 May 14. [Epub ahead of print]

Protective Effects of Resveratrol on TNF-α-Induced Endothelial Cytotoxicity in Baboon Femoral Arterial Endothelial Cells.
Xiao J, Song J, Hodara V, Ford A, Wang XL, Shi Q, Chen L, Vandeberg JL.
J Diabetes Res. 2013;2013:185172. doi: 10.1155/2013/185172. Epub 2013 Mar 31.